26 febbraio 2016

E' passato un anno...



E’ passato un anno da quando te ne sei andato, ma il tuo ricordo è sempre vivo, più che mai.
E’ passato un anno e ancora non ci siamo abituati alla tua mancanza. A volte ti aspettiamo che spunti sulla porta della sede con il tuo sorriso, con la tua occhiata che sembrava severa ma capivamo che era paterna.
Ci manchi caro Alessandro, manchi al Presidente che nel Gruppo si sente orfano, manchi a tutti noi con la tua energia, il tuo modo pacato di tenere dritto il timone anche nei momenti di burrasca.
Nessuno potrà mai sostituirti, credo che in tanti, se attingeranno all’umiltà ed al rispetto, potranno fare in modo che i tuoi ideali vengano portati avanti. Caparbiamente, percorrendo la strada che hai tracciato con lo stesso tuo entusiasmo, la stessa forza di volontà, come un’eredità.
Non so dove sei, certamente sei nel mio cuore, sei nei nostri cuori. Ti porteremo sempre con noi.
Sinceramente spero che in questa folle vita quello che siamo non vada disperso nel nulla. Perché un giorno mi piacerebbe rincontrarti, amico mio, in qualche angolo di paradiso, magari in grotta, sporchi di fango, in montagna, in qualche bosco alla ricerca di funghi, così, per poterti ancora riabbracciare e sorridere insieme, per sempre.

Nessun commento:

Posta un commento