11 dicembre 2015

Per chi suona il "calascione"




Il “colascione”, liuto a manico lungo proveniente dall’Oriente ottomano, fu indubbiamente tra gli strumenti più diffusi nel Regno di Napoli tra la fine del Cinquecento e la seconda metà del Settecento. A Napoli si usava un modello più piccolo di “colascione”, lungo circa un metro, che il popolo partenopeo chiamava “calascione”.
Era uno strumento che veniva utilizzato per l’accompagnamento di serenate e più genericamente di canti improvvisati. In quanto strumento “popolare”, il “calascione” divenne il simbolo di un’ampia area letteraria in polemica con la cultura accademica-toscaneggiante.
Ai primi del Settecento, un giovane napoletano molto esperto nella cardatura della lana, si trasferì a Morano trovando l’amore e la ricchezza. Si trattava di Domenico Bartolo che innamoratosi del piccolo borgo, alle falde del Pollino, gli dedicò un denso poema di 212 ottave in dialetto calabro-napoletano dal titolo, appunto, Lo calascione scordato, “scordato” poiché difettoso in una o più corde. Fu composto intorno al 1740 ed in breve tempo divenne un classico, seppure minore, della letteratura calabro-napoletana. Oggi, certamente, rappresenta un comune esempio di guida turistica in versi.


Ecco alcune ottave:

Bensì me trovo a no cielo sereno
De lo biello paiese de Morano:
Sta sito e puosto a nno gran loco ameno,
Che nge può stà no Cesare Romano.
No miglio lo tornea o cchiù o meno,
Pare justo na pigna da lontano,
De prospettiva puosto a miezo juorno,
Che pare justo che è fatto allo tuorno



È l’aria di Morano tanto amena
Che ppe lo munno non se può trovare,
Salutifera assaie, d’addore chiena,
Che fa cientanne l’aggente campare.
Lo viento soavissimo, che mena
Che te siente lo core addecreare;
Lo vierno n’aria disseccante e fina
Te secca pure ‘ncuorpo le stentina.



Tene Morano attuorno ppe trencera
Monte da ccà, da llà ppe lo guardare,
offender non si può, né ngè manera,
Cca non ‘ngè luoco che se può passare.
‘Ngè nno monte, e se chiama la Bannera,
Che ciento miglia la scuorta può fare,
Nelle guerre civili se ‘nge mise
L’aggente ppe guardare lo paise.



Propeo alla cimma ‘ngè nno gra castiello
Ch’è tanto forte ch’è na meraiglia,
Pegnere non si può co llo penniello,
E chi lo bide ‘ngè ‘nnarca le ciglia,
Fatto da no gran maestro lo modiello,
Ogne architetto lo desegno piglia;
E quante iorne a l’anno so contate,
Tante camere so tutte adornate.


 


Nessun commento:

Posta un commento