21 luglio 2016

Crinali di libertà



All’imbrunire il grande respiro del vento penetra la mia pelle ed ossigena gli anfratti più profondi della mia carne.
Verso l’infinito siamo tracce di Vita nell’immenso moto del tempo. Gli occhi adesso sono incollati al cielo e a quel paesaggio sconfinato che si perde oltre la linea dell’orizzonte, un viaggio a fil di cielo su rocce ed ampissimi panorami.
Siamo distanti dal resto del mondo, ma grazie allo stesso cielo ugualmente vicini. In questi momenti ci nutriamo di pace e silenzio, a tratti sentiamo soltanto il nostro cammino.
Vado e vengo all’interno di me stesso, sono eremo del mio Cuore e pastore solitario del mio Spirito, nomade, peregrino di questi spazi immensi.
Mi lascio andare all’aria ed al cielo come un qualcosa di divino, perso in un gioco di sensi difficile da spiegare a parole. 
Noi vediamo cose che certa gente non pensa nemmeno e passo dopo passo, sudore dopo sudore, battito dopo battito, emozione dopo emozione, riponiamo nel nostro Cuore tutta la bellezza del Creato.
 

18 luglio 2016

Essere se stessi



Teniamo per mano le nostre gioie. Soffiamo sulle nostre emozioni. Tingiamoci la Vita di sensazioni forti. Nutriamoci dei profumi, dei colori e dei suoni della Natura. 
Rapiti dal silenzio del bosco, in una luce irreale, veniamo colti da una dolce sensazione di pace. La pace è dentro di me, quando mi ascolto so capirmi.
La Natura insegna agli uomini ad essere se stessi.

16 luglio 2016

L'ultimo sguardo...



L’ultimo sguardo sulle montagne del Pollino come un’ultima immersione in una grande risorgiva mentre la luce radente e superba della sera inonda di oro il paesaggio. Le ombre cesellano linee finissime, il vento scuote le porte della nostra anima, siamo foglie vibranti che quasi si lasciano staccare per tornare lungo i pendii, le creste, le foreste, le radure, come un bisogno essenziale per tornare al nostro inizio fatto di vibrazioni. 
Il vento avvolge il nostro corpo, entra dentro di noi, ossigena ogni fibra, diventiamo filo d’erba che si ribella alle folate più forti, poi fronda di pino che si piega e geme, questo è vento che accompagna la Vita, ci lasciamo cullare. 
L’ultimo sguardo su queste montagne è come oppio per le nostre menti, reminiscenze ora luminose ora profumate, l’ultimo sguardo ancora ed il nostro vissuto entra in noi e si sparge come fluido vitale. In lontananza la luce delle cime contrasta con un cielo turchese sgombro di nuvole, questo è il nostro mondo. L’emozione si aggruma nello stomaco, cresce come una rivolta e spazza i momenti di scoraggiamento, riportandoci all’esatta dimensione delle cose e al giusto peso degli eventi. 
Pensiamo ai giorni trascorsi insieme, come carne nella carne, respiro dentro respiro, abbiamo gioito nel silenzio, tutti con la stessa sete di luce e fame di profili frastagliati, senza cercare nessuna impresa sportiva ma solo con l’emozione che sa regalarti la grandiosità di un paesaggio incorniciato dalle vette.
Al Patriarca radici profonde penetrano la roccia come il calore del sole che entra nella nostra pelle ad arrossarla, un brivido mai assopito di stupore e meraviglia! Ci prendiamo un po’ di tempo per noi stessi e per riflettere come un’esigenza del nostro spirito.  
Sulla cima del Dolcedorme, in silenzio, abbiamo cantato al vento l’altezza dell’Anima, un piccolo spazio a fil di cielo era diventato per qualche decina di minuti il nostro rifugio. 
Sono vivo insieme a compagne malate della mia stessa passione, come se la Vita ci premesse nei piedi e la pulsione dell’andare ci conducesse verso nuovi approdi, accomunati anche, forse, da alcune cicatrici sulla pelle come segni che diamo agli altri della nostra vita.
L’ultimo sguardo verso orizzonti che nutrono gli occhi, entrano dentro ed aprono nell’anima nuovi sentieri da percorrere ed esplorare. 
L’ultimo sguardo… e poi a presto, verso cime innervate di luce, perché le montagne del Pollino non si dimenticano, sanno impastarti dentro l’anima e la carne.


3 luglio 2016

Unesco Global Geoparks nel Pollino



Si terrà nel Parco Nazionale del Pollino, dal 4 al 6 luglio, un seminario sui Geoparchi, precisamente l’”8° Workshop degli Unesco Global Geoparks italiani”.
Delegati provenienti dagli Unesco Geoparchi Mondiali di tutto il territorio nazionale, aderenti alla Rete Europea e Globale dei Geoparchi che raccoglie 120 Global Geoparks mondiali in 33 paesi, di cui 69 in Europa e 10 in Italia, si ritroveranno nel Parco Nazionale del Pollino per una convention di studio, approfondimento e scambio di buone pratiche.
Il Pollino per promuovere e conquistare la candidatura alla rete internazionale dei Geoparchi ha individuato, cartografato e caratterizzato 69 Geositi ricadenti all’interno del territorio protetto. I geositi individuati sono stati organizzati in sistemi territoriali omogenei, dal punto di vista geologico e geografico, e correlati con le altre peculiarità paesaggistico-ambientali e storico culturale presenti sul territorio. Una preziosa ed unica banca dati sulla geodiversità presente nel Parco Nazionale del Pollino e della sua interrelazione con le altre peculiarità paesaggistico- ambientale dell'area.
Grazie a ciò il Pollino è entrato a far parte nella rete Europea dei Geoparchi nel settembre dello scorso anno ricevendo il riconoscimento in occasione della convention tenuta a Rokua in Finlandia e successivamente ha anche ottenuto il riconoscimento all’interno della rete Globale dei Geoparchi.
Di seguito, per chi fosse interessato, il programma della tre giorni.
 
PROGRAMMA

Orari Giorno 0 – Domenica 03/07/2016
 
dalle 15:00 Trasferimenti da Lauria e/o bivio A3 Mormanno (fermate bus) per il centro abitato di MORMANNO;
Check-in strutture ricettive - 20:30 Welcome dinner

Giorno 1 – Lunedi 04/07/2016

08:30-09:00 - MORMANNO: Cine-Teatro Comunale
09:00-10:00 - Rilevazione presenze e registrazione
 
Saluti
- Dott. Luigi Bloise - Resp. Ufficio Geoparco Parco Nazionale del Pollino
- Giuseppe Milione - Direttore Parco Nazionale del Pollino
- Guglielmo Armentano - Sindaco di Mormanno
- Dott. Francesco Fragale - Presidente Ordine dei Geologi della Calabria
- Dott. Nunzio Oriolo - Presidente Ordine dei Geologi della Basilicata
- Dott. Aniello Aloia - Coordinatore Comitato Nazionale Italiano Geoparchi Globali UNESCO
- Dott.ssa Vincenza Lomonaco - Ambasciatrice Italiana presso l'UNESCO (in videoconferenza)

Introduzione

- Prof. Nikolas Zouros - Presidente Global Geoparks Network e Coordinatore European Geoparks Network
"Il Global Geoparks Network e il nuovo Programma degli UNESCO Global Geoparks: sfide e opportunità per una gestione efficace del patrimonio geologico e per uno sviluppo locale sostenibile"
10:00-10:30 Coffee break
10:30-13:00 Tavola rotonda - Geoparchi: strumenti innovativi per la tutela e opportunità per la valorizzazione del territorio
- On. Domenico Pappaterra - Presidente Parco Nazionale del Pollino
- Dott. Francesco Peduto - Presidente Nazionale Ordine dei Geologi
- Dott. Giampiero Sammuri - Presidente Federparchi
- Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO - Gruppo Calabria e Basilicata
- Dott. Marcello Pittella - Presidente Regione Basilicata
- Dott. Mario Oliverio - Presidente Regione Calabria
Rappresentante del Ministero dell'Ambiente
- On. Dorina Bianchi - Sottosegretario Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo
Moderatore: dott. Maurizio Burlando - Componente dell'Advisory Committee European Geoparks
13:00-14.00 Light Lunch
14:00-14:30 Trasferimento da MORMANNO a ROTONDA
14:30-15:30 Visite guidate: - Ecomuseo del Parco
15:30-16:15 - Museo di Storia Naturale di Rotonda (resti Elephas antiquus italicus)
16:15-17:15 Trasferimento da ROTONDA a CIVITA
17:15-20:00 
Visita di CIVITA: paese arbereshe (italo-albanese), club dei Borghi più belli d'Italia visita al Belvedere del Raganello e Timpa del Demanio
20:00 Fine lavori - rilevazione presenza per APC Geologi
20:00-22:30 Cena tipica
22:30-23:30 Rientro a MORMANNO


Giorno 2 – Martedi 05/07/2016

08:10-09:30 Trasferimento da MORMANNO a SENISE
SENISE: Complesso San Francesco
09:00-09:30 Rilevazione presenze e registrazione
09:30:11:30 "I Geoparchi Italiani e Aspiring Geoparks"

Saluti
- Ing. Egidio Calabrese - Ufficio Geoparco Parco Nazionale del Pollino
- Dott. Giuseppe Castronuovo - Vice-presidente del Parco Nazionale del Pollino

Interventi
 
- Prof. Giuseppe Spilotro - Università della Basilicata
"Sorgenti, risorse idriche sotterranee, idrogeomorfologia: valorizzazione ed uso non conflittuale in un geoparco"
- Direttore Prof. Angelo De Vita - Prof. Domenico Guida - "Il Parco Nazionale del Cilento Geopark"
- Dott.ssa Cristina Giovagnoli - ISPRA
- Dott. Antonio Bartelletti - Direttore Alpi Apuane Geopark
"Rains & ruins. Buone pratiche ed esperienze educative dopo un evento estremo nel Parco delle Alpi Apuane"
- Dott. Pasquale Li Puma - Geoparco delle Madonie
"Perché gli Unesco Global Geoparks sono utili allo sviluppo sostenibile"
- Dott. Fabrizio Fattor - Servizio Geologico Friuli Venezia Giulia
"La valorizzazione del patrimonio geologico in Friuli Venezia Giulia: dal disegno di legge ai geoparchi"
- Prof. Giuseppe Bombino - Presidente Parco Nazionale dell'Aspromonte
"Aspiring Geopark Aspromonte"
- Dott. Stefano Cresta - Parco Regionale Castelli Romani
"Verso il Geoparco Vulcano Laziale"
11:30-12:00 Coffee break
12:00-12:50 Trasferimento da SENISE a TERRANOVA DI POLLINO
12:50-14:30 Light Lunch 
presso Centro visita TERRANOVA DI POLLINO "Città custode dell'arte zampognara"
14:30-16:30 Centro Visita di Terranova del Pollino. Riservato solo ai Geoparchi Italiani.

UNESCO Global Geoparks:
- Programma di attività comuni a livello nazionale
- Le procedure per il supporto alle nuove candidature
- Il futuro e la sostenibilità del riconoscimento UNESCO Global Geopark in Italia
- Prospettive ed azioni per aumentare la visibilità dei Geoparchi
- Le nuove funzioni del Comitato Nazionale Italiano deigli UNESCO Global Geoparks
16:30-17:00 Trasferimento da TERRANOVA DI POLLINO ai geositi di Timpa delle Murge e Timpa di Pietrasasso
17:00-18:30 Visita guidata dei Geositi di Timpa delle Murge e Timpa di Pietrasasso a cura della  
prof. Giovanna Rizzo - Università della Basilicata con rientro a SAN COSTANTINO ALBANESE
18:30 Fine lavori - rilevazione presenza per APC Geologi
18:30-20:00 Trasferimento da SAN COSTANTINO ALBANESE a ROTONDA
20:00-22:00 Cena tipica
22:00-22:30 Rientro a MORMANNO


Giorno 3 - Mercoledì 06/07/2016

Field trip
09:00-10:30 Trasferimento da MORMANNO per località Piano Ruggio (VIGGIANELLO)
09:15-09:30 Ritrovo e rilevazione presenze presso Hotel Regina uscita A3 SA-RC
10:30-12:50 Escursione Piano Ruggio - Belvedere di Malvento (vista pini loricati)
"La Geologia della catena del Pollino" a cura del Prof. Francesco Muto - Università della Calabria
Progetto "Trabucco del Pollino" a cura di Gruppo Speleologico "Sparviere" -
12:50-13:50 Light lungh (pranzo a sacco)
13:50-15:00 Trasferimento da Piano Ruggio a PAPASIDERO - località Grotta del Romito
15:00-17:00 Visita guidata del Geosito e del Museo della Grotta del Romito a cura dei Prof. Fabio Martini e Prof. Domenico Lovetro - Università di Firenze
17:00-18:00 Trasferimento da località Grotta del Romito a LAINO CASTELLO
18:00-19:00 Visita del centro storico abbandonato di Laino Castello
18:30 Fine lavori - rilevazione presenza per APC Geologi
19.30-21:30 Cena tipica
21.30-22:00 Rientro a Mormanno